Le colonne laterali

15-20 Luglio 1915

Il movimento delle due colonne laterali inizia il 15 luglio verso le ore 2.30.

Colonna di Val Popena

L'attacco fu condotto dal t.col. Bernardini con il suo II/55░ (passato per l'occasione al cap. Collini) e con la 5¬/56░ che gli fu mandata in rinforzo il 16 (secondo Tosato le compagnie in rinforzo erano due), e con la vana speranza che giungesse sul rovescio delle linee austriache il battaglione proveniente dalla Val Boite. Dalle linee di Casera Mosca, alle 9 del 15 luglio scattarono 6 plotoni: 2 della 6¬ (s.ten. Leonarduzzi e Morachiello) rincalzati dal 2░/8¬ (s.ten. Troyer) lungo le falde del costone occidentale di Monte Piana, a destra della strada per Carbonin. Altri due della 5¬, rincalzati da uno della 7¬, lungo le falde del Cristallino a sinistra della medesima strada. Questi avrebbero dovuto trovare via libera ad opera del battaglione che doveva scendere per la Val Fonda dalle falde di Monte Fumo, ma furono fortemente ostacolati dal fuoco austriaco durante la marcia di avvicinamento (furono feriti i s.ten. Gubitta e Ragazzoni). Verso le 13, giunti a 500 metri di distanza, gli italiani iniziarono a sparare contro le difese blindate di Ponte de la Marogna. Il plotone di rincalzo si unisce agli altri due sotto il comando del s.ten. Leonarduzzi che al tramonto del 16 luglio fece tentare l'apertura dei varchi nei reticolati con le pinze tagliafili. Ma gli austriaci rintanati nel blokhaus che domina la zona li scorgono e feriscono lo zappatore Bianco, e nel seguito colpiscono a motre il Leonarduzzi. Il comando passa al s.ten. Troyer, il quale decide di eliminare il blokhaus con un colpo di mano; a tal fine vennero scelti il caporal maggiore Troncon ed il soldato Calvo che riescono nello scopo loro assegnato; ma gli spari dell'azione destano l'allarme tra i difensori della linea successiva. I tre italiani riescono ugualmente a far saltare il pi¨ molesto dei blokhaus e parte del reticolato, oltre che a riportare due prigionieri. Il giorno 17 la colonna si limita ad atteggiamento dimostrativo inviando pattuglie in Val del Cristallino e verso Cima Fumo.

Colonna di Val Rimbianco

Fu condotto dal I/56░. Gli austriaci, bloccando lo sbocco della Rienza, proteggevano il Sentiero dei Pionieri ed ostacolavano l'accesso pi¨ diretto a Landro. Per il primo approccio venne costruita una squadra speciale di volontari alla testa della quale si distinse il soldato Zugni-Tauro, che personalmente pos˛ alcuni tubi di gelatina. Verso le 10 la colonna giunge al Vallon dei Castrati, ed alle 12 occupa il Sasso Gemello, che era il suo obiettivo principale. All'alba del 16 luglio scatta l'assalto alle trincee nel quale perdono la vita lo stesso Zugni-Tauro, il caporal maggiore Rossel e viene ferito il cap. Sisto.

< PrecedenteSuccessivo >