I primi giorni di guerra

Maggio-Giugno 1915

Agli inizi della campagna la difesa austriaca del settore risultava notevolmente impoverita dalla "voracitÓ" del fronte russo, per cui venne organizzata impiegando gli ultimi mezzi e le scarse forze a disposizione. Solo i due vecchi forti di Haideck e Mitterberg proteggevano la valle di Sesto da un eventuale attacco proveniente dal passo di Monte Croce. Lungo il fondovalle erano state scavate alcune trincee che collegavano i due forti. Un paio di obici e di vecchi cannoni in bronzo mostravano le loro antiquate bocche dalle feritoie dei forti, mentre sulla cupola erbosa del Monte Gasella di Dentro era schierata in opere campali pi¨ recenti un'altra batteria, peraltro l'unica in grado di battere il passo. Le uniche truppe in armi disponibili erano una mezza compagnia di LandesschŘtzen a presidio del fondovalle, alcuni artiglieri da fortezza e pochi gendarmi. In linea furono quindi fatti affluire alcuni reparti di LandstŘrm e di StandschŘtzen. Ma gli italiani all'inizio si mossero in modo fin troppo cauto, senza osare nulla di pi¨ dell'invio di alcune pattuglie che si ritiravano al primo accenno di resistenza. Fu anche a causa di questa eccessiva prudenza da parte italiana che verso la metÓ di luglio i landsturmer riuscirono ad occupare una linea pi¨ avanzata dal Castelliere al Monte Covolo, linea che venne organizzata come una vera e propria linea di resistenza.
Alla fine di giugno arrivano nel settore di Sesto i fanti bavaresi del Leibregiment e dal Passo di Monte Croce Comelico alla Croda Rossa di Sesto vengono potenziate tutte le strutture logistiche e difensive. Il 26 giugno il comandante del Leibregiment, col. Von Epp, prende il comando del fronte meridionale (fino ad allora sotto la responsabilitÓ del t.col. Haslenner dei LandesschŘtzen) ed una batteria prussiana colloca un cannone e due obici sul sentiero di Monte Croce. Nel seguito, l'artiglieria tedesca viene schierata a tergo dei reparti combattenti; i cannoni a lunga gittata vengono posizionati nel fondovalle, quelli campali nelle zone coperte a ridosso del Passo e i pezzi da 75 dell'artiglieria da montagna a diretto sostegno della prima linea.

Successivo >