Primi scontri

Giugno 1915

attacco di giugno 1915 Dopo una breve pausa, il 13 giugno riprende l'attacco italiano contro Son Pauses; questa volta l'attacco doveva essere appoggiato in zona Tofane dalla Reggio, che doveva prendere Forcella Col dei Bos, e poi, passando per la Val Travenanzes, giungere fino a Progoite. Alle 8 del 13 gli italiani tentarono un attacco improvviso contro il presidio austriaco di Forcella Fontananegra. Un'ora dopo si scatenò l'attacco contro Forcella Col dei Bos e simultaneamente un altro attacco dimostrativo contro Forcella Travenanzes. Il III/45° (magg. Ottina) ed una squadra (di un plotone secondo il Mariotti) di alpini della 266ª del Val Cordevole tentarono di avanzare in pieno giorno e senza supporto di artiglieria; inoltre un drappello tentò di raggiungere alla Forcella del Castelletto passando per il ripido canalone che divide il Castelletto stesso dalla Tofana di Rozes. L'attacco fallì completamente ed i fanti della Reggio, che pure avevano raggiunto la Forcella Col dei Bos furono costretti a retrocedere con gravi perdite. Analoga sorte toccò all'attacco italiano del giorno successivo; il presidio austriaco era costituito da un plotone di Landesschützen (s.ten. Klapeer) e dalla 3ª/II Reserve-Jäger bavarese. Per il giorno 15 giugno il Corpo d'Armata ordina tre ricognizioni (che si muteranno eventualmente in arditi colpi di mano) contro il Sasso di Stria, la Stretta di Valparola ed il Col dei Bos: contro gli ultimi due si lanciano inutilmente il II/46° ed il I/45° (magg. Fara Forni). Contro la stretta di Valparola si infrangono gli attacchi dei fanti che trovano il reticolato intatto. Tale reticolato lascia però libero un tratto di terreno ghiaioso proprio al di sotto delle strapiombanti pareti del Lagazuoi: in questo tratto prova il giorno seguente ad infilarsi il t.col. Campolieti con alcuni fanti, ma nella notte gli austriaci hanno completato la stesura dei reticolati e l'attacco fallisce. Dalla parte di Forcella Col dei Bos con il favore della nebbia, gli italiani tentarono di incunearsi nell'ala sinistra austriaca, sotto le rupi del Castelletto, ma vennero respinti dal s.ten. Schöffthaler degli Standschützen di Silz, che riuscirono anche a catturare un capitano italiano.

< PrecedenteSuccessivo >