Attacchi austriaci

Ottobre 1915-Febbraio 1916

Si concentrarono soprattutto contro Punta Berrino e Cengia Martini.
Nelle rimanenti posizioni si offrirono minori occasioni di imprese belliche; si segnala un'energica puntata dell'alf. dei kaiserjäger Mikosch che con 7 uomini, che il 1 marzo strisciò nella neve fino alle linee italiane di Forcella Bos per lanciare bombe a mano nei ricoveri italiani. A Fontananegra le giornate scorrevano monotone in quanto non ci si poteva muovere per non divenire bersagli. Il 5 gennaio l'alfiere Kern muore nel tentativo di collocare una mina con innesco di fronte alle posizioni austriache. Durante l'inverno i compiti più gravosi toccarono senz'altro ai reparti di portatori (che erano presenti al fronte in proporzione di 1 portatore ogni 2 soldati). "Giuochi, licenze, visite dalle vicine posizioni costituivano altri auspicati diversivi contro la monotonia dei mesi invernali. Ospiti particolarmente bene accolti erano, nella Val Travenanzes, i cappellani militari dott. Schöch e Treitner dello Standschützenbataillon Bregenz [...] Per Natale fu dappertutto allestito l'albero [...]
Il Capodanno del 1916 fu festeggiato dai soldati della Val Travenanzes in un modo tutto particolare: facendo cioè rintronare dovunque spari a salve, innalzando sopra le rupi in ampie volute razzi multicolori e trasformando, quasi per virtù magica, le distese di neve in un paesaggio da fiaba. Contemporaneamente un artigliere faceva echeggiare dal Monte Castello, per mezzo di un corno, i patetici motivi "Morgenrot" (O fulgida aurora) e "Steh ich in finsterer Mitternach" (Mi trovo immerso nella notte più profonda). Natura e paesaggio erano, si può dire, ancor più magnifici d'inverno che d'estate.
"

< PrecedenteSuccessivo >