Nazione Cusseddu Agostino

Grado Capitano

Mostrina  50° Brigata Parma

Morto presso il Rufreddo l'11 giugno 1916

Decorazioni

Decorazione Medaglia d'Argento

Portava brillantemente all'assalto la compagnia, di cui aveva poco prima assunto il comando, dando mirabile esempio di coraggio. Ferito mortalmente, pronunciava ancora parole d'incitamento per i suoi soldati. Mentre lo trasportavano alla sezione di sanità, si sollevava sulla barella e gridava: "Sono ferito mortalmente, ma muoio contento di aver dato la mia vita per la Patria".
Val Rufreddo, 11 giugno 1916