Nazione De Luca Pietro

Grado Soldato

Mostrina  7° Alpini, battaglione Val Piave

Nato a Valmareno di Follina (TV)

Decorazioni

Decorazione Medaglia di Bronzo

Mostrò arditezza e coraggio nel combattimento. Colpito abbastanza gravemente, non volle che nessuno lo accompagnasse, per non togliere un difensore dal fronte.
Monte Paterno, 4 luglio 1915

Note biografiche

L'alpino che passa alla storia come colui che getta il masso che uccide Innerkofler.
A volte citato come 'Piero'.
Dal sito dell'ANA di Conegliano:
Alla cima del Paterno la 268° aveva dislocato sei alpini con un caporale, e venivano riforniti mediante un lungo filo di ferro tra la cima e una sottostante forcelletta; all’ora consueta una voce gridava dal basso: Uhii, campaner, tira su» e il «campanaro» di turno si tirava su la marmitta fumante a forza di muscoli. Tra quegli uomini comandati dal caporale Da Rin c’era l’alpino Pietro De Luca da Valmareno di Follina, quindi da casa nostra; era un alpinone gigantesco cui piaceva mangiare e menar cazzotti. Il suo comandante di compagnia, il capitano Alberto Neri che nel corso della guerra tenne anche il comando del battaglione per tre duri periodi, ce lo descrive così: «Aveva due braccia come due cosce di uomo ordinario e due mani ciascuna delle quali, quand’era aperta, poteva sostituire uno dei moderni ombrellini da signora». La notte che De Luca era di vedetta successe qualcosa che lui stesso così ebbe poi a descrivere: «Ogni tanto vardavo so da basso come i me gaveva ordinà de far. No ghe gera anima viva! Za, no se poi dir, perchè gera un scuro de l’ostrega. Gavevo apena vardà e me gero tirà drio la roccia, come gaveva ordinà Da Rin, perchè scomenziava a spuntar l’alba, quando me vedo comparir ‘na ombra. « “Che sia el diavolo?” digo tra de mi, Oh si, altro che diavolo! el gera ‘n òmo e che òmo! L’ombra me voltava la schena e se moveva come se tirasse su un secio da un poso. Go capio, dopo, che i so movimenti i géra par giutar altre persone a rampegarse. «Maria Vergine benedeta! quelo nol pol esser che un nemigo» go dito tra mi e ghe son saltà dosso». «Ostrega, el gera forte come ‘n demonio; ma ciò! anca mi no gero certo de manco de lu! Ghe go dà un stramuson roverso e mentre lu trabalava, go ciapà ‘na piera e ghe go fracassà el sgrugno. El xe andà so pel canalon, senza dir nianca “amen”. «Me son sporzuo per veder el so’ tombolon e... Osteria, cossa che go visto! Proprio soto de mi a pochi metri ghe gera ‘na trentena de quei mamaluchi che i se rampegava come formighe. «“Da Rin, Da Rin e’ monta » go gridà. Ma no podeva perderme in ciacole e spettar Da Rin; e go ciapà piere drio piere e, zò e dai, e lòri rodolava tirando parlasse che mi no ghe capino ‘n assidente. «El caporal Da Rin ze vegnuo sul più bel e xe stada ‘ne fortuna parchè i ga scomincià ‘na sparatoria de canon più fissa de le piere che mi butavo zò. «Tuto ‘n te un momento sento ‘na paca ‘nte la testa compagnada da un balon de fogo, vado per tera e digo: “Gesù Maria son morto!”. No gò capio più gnente. Peraltro go sentìo che Da Rin me giutava a levarme in piè; quando che son stà dritto in piè, go dito: Manco mal Da Rin che son vivo! «“Maria Vergine, De Luca come i t’à consà” ga dito Da Rin; ma mi go risposto: Cossa votu che sia? No te vedi che stago ‘n piè?». E a piedi andò a farsi medicare la non lieve ferita dall’ufficiale medico il quale, nonostante le proteste di De Luca, lo fece ricoverare all’ospedale da campo di Auronzo. Dopo pochi giorni il Capitano Neri stava esaminando con un sergente la parete attraverso la quale gli austriaci erano arditamente saliti fino al Paterno e che suggeriva la possibilità di avanzare ulteriormente: «Se si potesse calare per questo canalone... ». «Mi digo de si; parchè, come xe vegnui su lori podemo andar noaltri»; a rispondere era stato l’alpino De Luca il quale, con la testa tutta fasciata era scappato dall’ospedale da campo. — Cosa fai qua? Perchè ti han fatto uscire in questo stato? — chiese il capitano; e De Luca rispose: — Miga i me ga fatto vegnir fòra lori! son vegnùo da mi. Cossa vorlo! I me tegniva sempre a «digieta» par el mal a la testa. Cossa ghe entra, tò, la testa co la pansa mi no lo capisso! E, allora, mi gò ciapà el dò de cope e son vegnùo quassù coi me compagni dove no se conosce la digieta. Il capitano Neri discese in seguito per quelle rocce con alcuni dei suoi alpini piombando sulla posizione nemica ed annientandola.