Nazione Mensio François

Grado Sottotenente

Mostrina  23° Brigata Como

Ritratto

Nato il 14 ottobre 1890 ad Aosta

Morto il 17 giugno 1915 sul Son Pauses

Decorazioni

Decorazione Medaglia di Bronzo

Di sua spontanea volontà, tentava ricuperare la salma di un ufficiale, caduto a poche centinaia di metri da un forte nemico. Fallito il tentativo, causa il fuoco intenso e l’insidiosità dei riflettori nemici, rimaneva, nel ritorno, vittima di un doloroso incidente.
Son Pauses, 17 giugno 1915

Note biografiche (Archivio Franco Licini)

Figlio unico di padre ottuagenario, François avrebbe potuto farsi esonerare dal servizio militare ma, subito dopo aver conseguito la licenza liceale nella nativa Aosta, sceglie di arruolarsi come volontario in un plotone allievi ufficiali di complemento del 54° fanteria. Alla fine di settembre del 1911, appena ottenuta la promozione a sergente, nonostante la recente perdita di suo padre, François insiste con i suoi superiori per essere inviato in Libia dove altri giovani come lui hanno scelto di dare il proprio apporto alle aspirazioni coloniali della Patria. "Lei è un bravo ragazzo, - ha modo di dirgli il comandante dell'82° fanteria al quale è stato aggregato - vorrei che fossero tutti così nel mio reggimento. Vada, e si ricordi che gli altri soldati avranno nel loro sergente un esempio!". "A proposito della mia partenza da Ivrea, - scrive a sua madre dopo essere sbarcato a Tripoli - io non avevo voluto dirti che ciò era avvenuto per mia volontà, perché temevo che tu avessi a interpretare male i miei sentimenti. Ma poiché tu sai essere tanto nobile e grande d'animo, da approvare il mio passo, io mi sento sollevato e guardo tutti coloro che mi circondano, colla perfetta sicurezza che nessuna madre vale la mia. [...] Ciò che mi ha spinto a partire è l'entusiasmo, che suscitò in me quel conflitto, dal quale il nome d'Italia deve uscire più puro e con un prestigio più grande di quello che ebbe fino a questi giorni [...]". In Libia Mensio prende parte a numerosi combattimenti, distinguendosi in particolare ad Ain Zara dove ottiene sul campo la promozione al grado di sottotenente. Assegnato quindi al 23° fanteria, partecipa alle azioni che si svolgono presso il Marabutto di Sid Messri dimostrando anche in quell'occasione doti di coraggio e altruismo. Conosce, tra gli altri, il sottotenente Gioacchino Jacobelli col quale stringe una sincera amicizia condividendo con lui ideali e ambizioni. Tornato in Patria, allo scoppio della Grande Guerra, anche il sottotenente Mensio parte per il Cadore e pochi giorni dopo il suo arrivo assiste ai combattimenti contro il caposaldo austriaco di Son Pauses restando col suo plotone in posizione di rincalzo. L'amico Jacobelli è invece tra gli attaccanti, nelle file della colonna chiamata ad attaccare frontalmente le fortificazioni. Il 15 giugno i fanti che hanno sostenuto l'infruttuoso assalto rientrano esausti e a ranghi decimati. François cerca il suo amico, chiede ansiosamente informazioni ed infine scopre, con immane tristezza, che Gioacchino non è tornato: è rimasto lassù, da qualche parte, sotto la Sella di Son Pouses. Qualcuno l'ha visto cadere mentre conduceva coraggiosamente il suo reparto all'assalto, ma i portaferiti di più non sanno riferire: il suo corpo non è stato ritrovato. Mensio non si dà pace, spera di trovare l'amico ancora vivo o per lo meno, se fosse morto, vuol dare degna sepoltura al suo corpo. Chiede il permesso di andare lassù dove si è appena spenta la battaglia ed infine il suo colonnello cede alle insistenze. Nonostante il maltempo, nella notte sul 17 parte assieme al suo attendente e per alcune ore cerca tra le rocce e negli anfratti. Determinato nel suo intento non vuole arrendersi e finalmente, sul fondo di un canalone, trova l'amico esanime. Recupera gli oggetti personali da inviare alla famiglia e con l'aiuto dell'attendente trascina il corpo fuori dall'avvallamento. I nemici s'accorgono del movimento e sparano; François viene colpito alla coscia ma continua imperterrito nella sua impresa. Tampona alla meglio la ferita ma per lo sforzo gli vengono meno le energie. Si trascina come può per tutta la notte ed all'alba, esausto, raggiunge l'accampamento. Consegna gli oggetti dell'amico e indica il luogo dove giace la salma, quindi perde conoscenza. Dopo poche ore, nonostante le solerti cure mediche, il sottotenente François Mensio muore per emorragia; è il primo valdostano a cadere sul campo di battaglia.