Nazione Ziello Pasquale

Grado Sottotenente

Mostrina  1¬ / I / 91░ Brigata Basilicata

Ritratto

Nato il 17 novembre 1894 a Sant'Arpino (NA)

Morto per fucilata al cuore il 6 giugno 1916 sulla Croda dell'Ancona

Note biografiche (Archivio Franco Licini)

Pasquale nasce a Sant'Arpino[1] il 17 novembre del 1894 da Alfonso Ziello ed Enrichetta Ancione. Compie gli studi liceali a Napoli presso la scuola dei Verginisti[2] e all'etÓ di vent'anni si iscrive al corso allievi ufficiali presso il 39░ reggimento di fanteria.
Col grado di sottotenente, nel 1915 Ŕ destinato al 54░ Umbria e, appena giunto, chiede di essere inviato in zona di guerra. Assecondando la sua richiesta, lo trasferiscono al 91░ reggimento della brigata Basilicata. Assegnato alla 1¬ compagnia, il sottotenente Pasquale Ziello raggiunge in treno Longarone dove i fanti sono acquartierati in attesa di trasferirsi sul fronte del Cadore. Raggiunto San Pietro e quindi la Val di Padola, il 4 agosto Ziello partecipa alle operazioni contro lo sbarramento di Sesto per la conquista del Monte Rotheck ed il 6 settembre, agli ordini del gen. Ferrero, si lancia nuovamente all'attacco di quelle stesse posizioni. Un mese dopo, trasferito in zona Col di Lana, prende parte agli assalti sul costone di Salesei riportando i suoi uomini a valle, per la maggior parte incolumi.
Trascorso il rigido inverno a Lorenzago di Cadore, dopo un breve periodo passato di pattuglia al passo Tre Croci ed in zona Tofane, a metÓ giugno il plotone del sottotenente Ziello interviene nel secondo attacco italiano a Son Pauses. Il giorno 15 muove verso il costone de Ra Ciadenes, la cresta che scende dalla Croda de l'Ancona verso est, ma prima ancora di arrivare all'ostruzione dei reticolati, i fanti vengono arrestati dal fuoco di sbarramento nemico. Nella notte sul 16, affiancati agli alpini della 75¬ compagnia del battaglione Pieve di Cadore, quelli del 91░ ritentano il disperato attacco ma, ancora prima dell'alba, vengono di nuovo respinti. Il sottotenente Ziello Ŕ colpito al cuore da una pallottola e sul far del giorno il suo corpo viene recuperato e sepolto dagli uomini del suo plotone. Il Bollettino di guerra austriaco del 17 giugno annuncia semplicemente che: "Il continuato sforzo italiano contro le posizioni dolomitiche rimase del tutto infruttuoso. Ieri vennero sventati attacchi contro il Rufreddo e la Croda de l'Ancona."
Il paese natale del sottotenente Pasquale Ziello dedicherÓ al suo nome quello di una via cittadina.

NOTE

[1] Allora in provincia di Napoli, oggi di Caserta.
[2] Figli di San Vincenzo dei Paoli, verso il quartiere SanitÓ.