Sistemazioni

Settembre-Ottobre 1915

Tramontata l'idea di un'azione in grande stile sul saliente cadorino, su Monte Piana e regioni limitrofe non si ebbero più che duelli quasi quotidiani delle opposte artiglierie, con tiri di disturbo. Per i successivi due anni (tra la fine della grande offensiva del 1915 ed il ripiegamento del 1917) si ebbe solo qualche piccola operazione di rettifica della linea diretta a:
a. mantenere lo spirito aggressivo della truppa;
b. respingere qualche attacco austriaco;
c. trattenere le riserve austriache in concomitanza di offensive italiane sugli Altipiani e/o sull'Isonzo.
Il maresciallo Goiginger si rese conto della inadeguatezza delle postazioni rispetto ai rigori del prossimo inverno e promise disposizioni per un massiccio impiego di accorgimenti tecnici funzionali, tra cui:
1. pionieri e zappatori migliorarono il sentiero che saliva da Landro (ora appunto noto come "Sentiero dei Pionieri")
2. venne messa in funzione la teleferica 53a dalla Val della Rienza fino a metà pendio
3. vennero iniziati i lavori per una teleferica pesante Landro-Piana Nord
4. venne fornita corrente elettrica a tutti gli impianti della Valle di Landro; questo poi si allargò alla linea elettrica militare ad alta tensione Valdaora - Dobbiaco - Landro
L'Alpenkorp venne sostituito dai Kaiserjäger; dal Cristallo al Peralba, assieme ai "soliti" Standschützen, Landesschützen ed ai fanti del 36° IR (Kolomea) fu schierato il 2° Kaiserjäger in tre sottosettori:
- GUA 10/a da Podestagno al Rimbianco;
- GUA 10/b dal Rimbianco a Monte Croce Comelico;
- GUA 10/c da Monte Croce al Peralba.
Anche da parte italiana fervono i lavori per l'ultimazione dei rifugi e delle postazioni avanzate in vista dell'inverno. Alla sostituzione del gen. Nava con il gen. Nicolis di Robilant, la 10° divisione (brigate Marche e Ancona) venne trasferita sull'Isonzo e la brigata Basilicata dall'Alta Val Padola al Col di Lana. La 2ª Divisione cedette parte del suo settore Val Boite alla 1ª Divisione e si prese tutto il settore della Val Padola spostando la sede del comando ad Auronzo. Il 16 novembre lo schieramento della brigata Umbria viene mutato da "per ala" a "per linea":
. la 1ª/54° sulle pendici orientali di Monte Fumo;
. la 2ª sul Costone occidentale di Monte Piana;
. la 3ª su Monte Piana;
. la 4ª in Val Rimbianco;
. il II/54° a tergo di rincalzo (tranne la 8ª con un plotone sul Cristallino);
. il III/54° di riserva a Misurina.

< PrecedenteSuccessivo >