Nazione Ferrero Giacinto

Grado Maggiore Generale

Mostrina  Brigata Basilicata

Ritratto

Nato il 19 giugno 1862 a Torino

Morto nel 1922 a Torino

Decorazioni

Decorazione Medaglia d'Argento

Sia quale comandante di brigata, sia quale comandante di settore fu, in numerosi combattimenti, quasi sempre in prima linea e, con mirabile sprezzo del pericolo, mettendosi anche alla testa delle sue truppe in momenti particolarmente difficili, seppe colla sua azione personale, insuperabilmente coraggiosa e fattiva, animarle della propria fede e condurle al successo.
Cadore, giugno-ottobre 1915; Durazzo, febbraio 1916; Monfalcone, maggio 1916

Note biografiche

Uscito dall'Accademia di Modena nel 1878, ufficiale d'artiglieria, preso pass˛ allo Stato Maggiore, aveva alternato comandi di reparti (14░,11░ Rgt. Artriglieria, 24░ Rgt Fanteria Como, 54░ Umbria) con servizi nello Stato Maggiore (Divisione Torino, V Corpo d'Armata), al Ministero della Guerra ed alla scuola di Guerra. Prima del conflitto era insegnante alla Scuola di Guerra e addetto all'istituto Geografico Militare. La sua figura avrebbe ispirato quella del generale Leone, descritto nel libro di Emilio Lussu "Un anno sull'Altipiano", in quanto il Ferrero nel giugno del 1916 veniva messo al comando della Sassari dislocata su Monte Zebio.
Nel giugno del 1917, mentre era in Albania al comando delle truppe di occupazione, eman˛ il cosiddetto "proclama di Argirocastro", nel quale sentenziava:
"A tutte le popolazioni albanesi. Oggi, 3 giugno 1917, fausta ricorrenza delle libertÓ statutarie italiane, noi, tenente, generale GIACINTO FERRERO, comandante del Corpo italiano di occupazione in Albania per ordine del Governo del Re Vittorio Emanuele III, proclamiamo solennemente l'unitÓ e l'indipendenza di tutta l'Albania, sotto l'egida e la protezione del Regno d'Italia. Per questo atto, albanesi! avrete libere istituzioni, milizie, tribunali, scuole rette da cittadini albanesi, potrete amministrare le vostre proprietÓ, il frutto del vostro lavoro a beneficio vostro e per il beneficio sempre maggiore del vostro paese. Albanesi! Dovunque siate, o giÓ liberi nelle terre vostre o esuli nel mondo o ancora soggetti a dominazioni straniere, larghe di promesse ma di fatto violente e predatrici; voi che di antichissima e nobile stirpe avete memorie e tradizioni secolari che si ricongiungono alla civiltÓ romana e veneziana; voi che sapete la comunanza degli interessi italo albanesi sul mare che ci separa e ad un tempo ci congiunge, unitevi tutti quanti e siate uomini di buona volontÓ e di fede nei destini della vostra patria diletta; tutti accorrete all'ombra dei vessilli italiani e albanesi per giurare fede perenne a quanto viene oggi proclamato in nome del Governo italiano per un'Albania indipendente con l'amicizia e la protezione dell'Italia".
A settembre del 1919 era al comando delle truppe italiane che dovevano impedire l'ingresso a Fiume di Gabriele d'Annunzio. Termina la carriera come comandante del Corpo d'Armata di Torino.

Giacinto Ferrero
Il gen. Ferrero (da Europeana)