Difese austriache in zona Tofane

Maggio 1915

La zona delle Tofane e della Val Travenanzes (chiusa tra gli sbarramenti di Tre Sassi e di Fanes) rimase fuori dal raggio d'azione dei lavori di difesa pi¨ importanti; gli austriaci non pensarono di comprendere quelle zone (dagli accessi ardui) nella linea difensiva che passava per i Tre Sassi, Lagazuoi, Fanis, Vallon Bianco fino allo sbocco orientale della Val di Fanes. Inoltre la possibilitÓ che Cortina d'Ampezzo si trovasse nelle vicinanze della linea del fronte non era gradita agli abitanti della cittÓ. "Se la linea di difesa avesse congiunto le Tofane con Forcella Fiorenza ed il Col RosÓ, Cortina sarebbe stata inevitabilmente ridotta ad un cumulo di macerie. G. Burtscher"
Ma lo sbarramento di Tre Sassi doveva essere coperto sul fianco sinistro, il che port˛ all'occupazione del Lagazuoi; inoltre Forcella Travenanzes, Cima Falzarego, Col dei Bos, ed il Castelletto dominavano la Strada delle Dolomiti e non potevano essere lasciati agli italiani. Una volta prese queste posizioni era per˛ necessario coprirsi le spalle, ovvero occupare le Tofane, ma per far ci˛ mancavano gli uomini. La situazione ibrida che si venne a costituire non era gradita a molti comandanti austriaci; lo stesso gen. Krafft Von Dellmensingen, in data 13 giugno 1915 disse: "Ancora una volta ho discusso col maggiore Pfersmann (ufficiale di stato maggiore del comando per la difesa del Tirolo assegnato come ufficiale di collegamento al comando di corpo d'armata germanico, ndr) la questione della Val Travenanzes, ad ovest del Gruppo delle Tofane. Io sono dell'opinione che sarÓ estremamente difficile conservare durevolmente la linea, ora tenuta da deboli effettivi. [...] Goiginger mi ha fatto comunicare che ritiene il possesso della valle pienamente assicurato, e non intende perci˛ rinunziarvi."
Il 18 maggio le truppe austriache vengono messe in stato d'allarme e viene loro ordinato di raggiungere le posizioni di confine. Il 23 maggio il Comando della Difesa Territoriale del Tirolo viene assegnato al gen. Dankl ed ai primi di giugno il gen. Goiginger riceve il comando del Rayon V. La zona delle Tofane faceva parte del settore di confine 9 (da Arabba al Monte Cadin) e le truppe ivi schierate erano:
- il 165░ LandstŘrm;
- l'Arbaiter Bataillon III/29░;
- il Marsch Bataillon X/14░;
- gli StanschŘtzen di Enneberg, Silz e Imst;
- reparti di finanzieri e gendarmi.
Il settore in un primo tempo fu alle dipendenze del magg. Busch (del 165░ LandstŘrm), poi divenne pertinenza della LI Brigata da Montagna che dall'8 giugno al 9 luglio fu agli ordini del col. von Sparber. I principali attacchi italiani si svolsero tuttavia presso il passo di Monte Croce verso San Candido e nei dintorni di Carbonin verso Dobbiaco, essendo queste ultime due le vie di invasione pi¨ corte. Nel settore 9 il maggiore sforzo italiano si produsse contro il Col di Lana, al fine di valicare il Passo Gardena e giungere poi alla strada del Brennero. Da parte italiana, nel settore 9, si schier˛ il IX Corpo d'Armata con la 18¬ Divisione tra il Pordoi ed il Col di Lana e la 17¬ Divisione tra il Col di Lana e la Tofana III. Pi¨ avanti, verso est, stava la 2¬ Divisione. L'ala destra del IX Corpo era costituita dalla brigata Reggio che si trov˛ schierata tra lo sbarramento Tre Sassi e le Tofane. Le uniche truppe alpine disponibili in zona erano costituite dal battaglione Val Chisone (cui nel seguito si aggiunse anche il battaglione Belluno). Nonostante la grande sproporzione di forze in loro favore, gli italiani furono fin troppo cauti nella loro avanzata (giustificata dai comandi con la mancanza di truppe alpine e di artiglieria, e dalla forza naturale delle posizioni austriache) tanto che gli stessi austriaci se ne meravigliarono. I primi seri attacchi si verificarono solamente a luglio, ma nel frattempo gli austriaci ed i tedeschi avevano efficacemente riorganizzato la difesa, costruendo ricoveri (grazie al contributo del cap. Buchecker del Genio) e facendo saltare i collegamenti stradali.

Successivo >